PROGETTI DA REALIZZARE

Ogni anno il numero delle bambine che la scuola accoglie aumenta. Altevette Onlus è quindi fortemente impegnata ad adeguare le strutture scolastiche all’aumento del numero delle bimbe. Più bambine, più classi, più aule, più dormitori, una cucina e un refettorio più grandi, una grande sala comune sia in Mustang che a Pokhara. Ecco i nostri progetti per quest’anno:

Edificio multifunzionale.

 In un’ottica di continuo miglioramento della struttura scolastica la nuova sfida che ci troviamo ad affrontare nel 2018 è la costruzione di un edificio multifunzionale. Si tratta di una struttura di 250 mq, alta 5 metri, che diventerà parte integrante della scuola femminile in Mustang.

La sua costruzione è diventata una priorità, poiché le allieve necessitano di un ambiente accogliente e spazioso adatto allo svolgimento delle attività scolastiche collettive quali le assemblee quotidiane, i compiti di casa, la lettura, speciali lezioni di musica e di canto e la meditazione.

Attualmente queste attività vengono svolte nel refettorio, uno spazio non più sufficiente per accogliere un numero di allieve raddoppiato rispetto a quello dei tempi della fondazione della scuola.

La nuova struttura scolastica sarà inoltre utilizzata per alcuni giorni, nel mese di luglio, come luogo d’incontro per gli abitanti dei villaggi circostanti che si riuniscono presso la scuola in occasione di una speciale cerimonia religiosa. La scuola stessa è diventata negli ultimi anni un importante centro d’aggregazione per tutta la comunità locale e questa nuova struttura darà ulteriore rilevanza all’istituzione scolastica femminile.

La costruzione sarà una sfida a causa della difficoltà per procurarsi i materiali di costruzione, dell’altitudine, delle asperità delle vie di comunicazione e della lontananza. La direzione della scuola ha previsto di acquistare i materiali di costruzione (cemento, tondini metallici, le pitture, i pilastri di legno ed il legname per la produzione in loco delle porte e dei telai delle finestre) nell’autunno del 2017 e di trasportarli con trattori e robusti camioncini da Pokhara agli altopiani del Mustang durante i mesi invernali quando, grazie alla stagione secca, il letto del fiume Kaligandaki diventa percorribile.

Prevediamo l’inizio dei lavori di costruzione delle fondamenta del nuovo edificio e dell’argine del torrente a protezione della nuova struttura scolastica nella primavera del 2018 allo sciogliersi delle nevi e contiamo di terminarlo nel 2019.

 Il costo del progetto sarà di 104.000 euro.

Argine del torrente

C’è un reticolo di torrenti a monte della scuola in Mustang, essenziali per l’approvvigionamento idrico del complesso scolastico.

Purtroppo questi torrenti la scorsa estate, nel pieno della stagione monsonica, sono straripati ricoprendo di detriti il terreno su cui sorgerà la nuova sala multifunzionale causando danni alla scuola. E’ quindi urgente costruire un argine per prevenire ulteriori danni in futuro.

Costo della prima fase del progetto 6000 euro.

Arredo della scuola di Pokhara

 Nella scuola di Pokhara è già iniziata la costruzione del secondo edificio per garantire maggiori spazi per le nostre bambine.

Siamo impegnati ora a provvedere all’arredo della scuola. Sono già stati acquistati i letti e i materassi ed i banchi per le bambine e gli insegnanti. Sono in fase di costruzione le scaffalature che ricopriranno le pareti della sala comune.

Costo complessivo dell’arredamento 10.050 euro

 

Progetto frutteto di alta quota

 Nell’estate del 2015, al ritorno dal Mustang, le nostre socie Carmen e Laura hanno pensato che sarebbe stato importante migliorare le condizioni alimentari delle nostre bambine che vivono di orzo e lenticchie. Hanno quindi chiesto un consiglio al professor Riccardo Petrini, docente e ricercatore presso l’Università di Pisa, che ha aderito con entusiasmo al progetto. Senza il suo aiuto niente sarebbe stato possibile. Per tre anni Laura, Riccardo e i suoi collaboratori sono andati in Alto Mustang per la campionatura dell’acqua e della terra che sono state analizzate e studiate. Gli studi hanno portato all’individuazione dei meli rosa dei monti Sibillini quali piante adatte ad essere coltivate sui terreni del Mustang a 4200 metri di altitudine.

Nel dicembre 2017, 100 piante di meli rosa dei Monti Sibillini sono partite dalle Marche per raggiungere prima Kathamandu e Pokhara e poi, nell’arco di pochi giorni, sono stati trasportati fino in Alto Mustang dove sono stati piantati dalla popolazione locale. Ora stanno passando il loro primo inverno sugli altopiani himalayani e in primavera verrà verificato il loro attecchimento e predisposta la potatura.

I costi sono sostenuti dall’Università di Pisa . Altevette Onlus sostiene il progetto con l lavoro dei volontari, con la messa a disposizione dei terreni da parte della scuola monastica e con il coordinamento dall’Italia di tutto il progetto.

C’è molto lavoro da fare e per poter realizzare questi nuovi progetti e abbiamo bisogno di tutto il vostro sostegno. Qualunque somma vorrete donare sarà per noi un grande aiuto. Grazie!

 

donate